Pepe_Oriola

Intervista a Pepe Oriola, Pilot Touring

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Da Locos Engine vi presentiamo una nuova intervista, abbiamo avuto il piacere di fare il pilota spagnolo Touring Car Pepe Oriola.

Solo il pilota 20 anni si sfideranno in questa stagione con una SEAT Leon Cup Race in una nuova Touring Car Championship, las TCR International Series. Oriola realizza il suo sogno mano team Bamboo Craft Corsa. Tutto è iniziato quando aveva 8 anni ed è stato avviato nel karting, attraverso la sua consacrazione nel WTCC (WTCC) dove è diventato il più giovane pilota di sempre a vincere una gara nel FIA 18 anni, Sebastian Vettel batte se stesso.

Pepe Oriola SEAT León Craft Bamboo Lukoil

LdM: Pepe, Ci può raccontare brevemente come tutto è cominciato? Cosa ti ha portato a diventare un pilota?

PO: I Recale in karting quasi per caso, da quando è stato chiamato alle hockey FC Barcelona. Un po 'di attrazione Formula 1 Ho deciso di provare i kart e sono stato agganciato.

LdM: Perché avete scelto karting dopo autovetture?

PO: Reach Formula 1 è quasi impossibile per chiunque. Mentre in karting, videro in me che aveva le capacità per guidare automobili. Ho provato e non ho esitato a seguire la mia progressione in motorsport. In Turismo c'è molto contatto e la carriera sono più brevi, ma più intensa. Per lo spettatore è molto più bello di questi concorsi e per i piloti anche, poiché è necessario dare tutto da zero per la velocità gli avversari, quasi come la MotoGP.

LdM: Come ti prepari per ogni gara?

PO: Avere una buona sport in palestra è importante per gestire lo stress che si accumulano in ciascuno dei turni. Ma, spesso, circuiti sono nuovi e cercare di memorizzare il layout, prima di arrivarci, sessioni condotte nel simulatore è l'esperienza più realistica di essere sulla buona strada.

Pepe Oriola SEAT Leon WTCCLdM: Il WTCC non è ben conosciuto nel nostro Paese, Cosa puoi dirci del WTCC? Come è il campionato?

PO: Il WTCC è stato, fino ad oggi, un punto di riferimento importante per questa specialità, ma con l'arrivo di Citroën ha completamente cambiato l'essenza del concorso. I prezzi sono esorbitanti e competere contro un marchio come Citroën di raggiungere il podio: un esborso finanziario che non tutte le squadre possono prendere. Quindi, il TCR International Series, la concorrenza che ha debuttato in questa stagione, segnerà il futuro a livello internazionale in auto. E 'vero che la Spagna non è ben noto campionato, di promuovere, è importante che voi inoltrati televisione. In Spagna, si può vedere solo da Eurosport che possiede il WTCC e non tutti gli appassionati di golf hanno accesso al canale. La chiave per diffondere un campionato è la possibilità di dare allo spettatore che può monitorare apertamente. Per quanto riguarda il formato, È molto simile al TCR Series Internazionale, e composto da due gare punti in ciascuna delle riunioni. Per essere più spettacolare, in gara uno griglia viene formata secondo il risultato ottenuto nella cronomentrada; mentre il secondo gruppo è con la griglia invertita 10 primi classificati nella cronometro.

LdM: Raccontaci sentire per ottenere la tua prima vittoria in Marrakech 2013 e diventare il più giovane pilota a vincere una gara nel FIA.

PO: Per me è stato un sogno che si è a caccia. Vincere una gara di Campionato del Mondo è il meglio che potessimo sperare ed è riuscito, anche, diventando il più giovane pilota a raggiungere. Le migliori condizioni per raggiungere verificati ed è in quei momenti in cui ringraziare il sostegno che abbiamo avuto, specialmente, la tua famiglia e gli sponsor che hanno sostenuto si stagione dopo stagione in modo da poter continuare a godere di questo sport. Qualcosa che è ormai diventato una professione.

Pepe Oriola Chevrolet WTCC Portugal 2013LdM: E quest'anno si farà il suo debutto nel TCR International Series, Congratulazioni! Come vede il

campionato? Sembra verità molto attraente.

PO: Come ho detto prima, è il campionato di auto del futuro. Anche, questa stagione inaugurale stiamo aprendo per la Formula 1 in tre Gran Premi: Malaysia, Cina e Singapore, ed è un'altra attrazione, specialmente, per gli sponsor. Il formato sarà due gare per evento e griglia invertita nella seconda gara. Ma, anche, al fine di corrispondere le automobili, ha avuto luogo il 9 e 10 Marzo in Montmelo un test delle prestazioni, denominada Bilancia dei test di Perfomance. Ciò fornisce eccitazione supplementare in ogni gara e in particolare, di fronte allo spettatore, si può godere la concorrenza, come si cerca di bilancia ciascuna delle vetture in pista.

LdM: Manterrà una SEAT LEON Cup Race. Come ti sei sentito al volante nel test?

PO: Si tratta di una macchina che io conosco molto bene, dal momento che è una evoluzione di indossare fa due temoporadas nel mondo. Anche, in Bamboo Lukoil Craft-team ho come compagno di Jordi Gené, ha sviluppato questa vettura, e mi aiuterà molto ad avere alte aspirazioni di questa stagione. Nel test, la sensazione è stata molto positiva e ora devono dimostrare in ogni gara.

LdM: Qual è il tuo obiettivo per quest'anno nel Campionato?

PO: Voglio fare bene in ogni gara e segnare una certa fiducia podio. La competizione è molto nuovo per tutti, ci sono circuiti sconosciuti e spero di mostrare nelle mie capacità come una traccia pilota. Questo è uno sport di squadra e l'obiettivo primario è quello di portare Bamboo Craft-Lukoil per la vetta della classifica di squadra. Per questo, Dovrò lottare individualmente.

Pepe Oriola victoria Marrakech 2013LdM: Secondo te, Chi è il miglior pilota di auto attualmente?

PO: Per la mia gioventù, Ho avuto la possibilità di competere con i grandi driver di auto da turismo come Gabriele Tarquini, Tom Coronel e Yvan Muller. Sono i piloti con esperienza e con cui si può continuare ad imparare ogni giorno. Uno, Jordi Gené, Avrò come partner in questa stagione Bamboo Craft-Lukoil, quindi non posso chiedere di più.

LdM: È Formula 1 la vostra più grande aspirazione di pilota?

PO: Molto meno. Nel mondo dei motori ci sono più categorie di F1, dove economico premio di emissione oltre lo sport. Anche, sul mio modo di guidare e, specialmente, per la mia altezza, perché misuro 1,88 centimetri, Sarei difficile essere in F1. In passeggero è dove mi sento molto più comodo e dove voglio continuare la mia carriera. Per ora, il TCR International Series sono ora il mio presente e spero il mio futuro a lungo.

Grazie Pepe, e buona fortuna per il vostro nuovo avventura!

Adrián Osés, Locos Engine.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Altri articoli dal web

Adrián Osés
Autore: Adrián Osés Appassionato di Motorsport e Ingegneria, fondatore e direttore di Mad Engine.

One Response to "Intervista a Pepe Oriola, Pilot Touring"

  1. […] rimosso dalla pagina http://www.locosdelmotor.com/2015/03/24/entrevista-a-pepe-oriola-piloto-de-turismos/ Intervista a Pepe Oriola, pilota […]