Nurburgring aggredito anche da un elettrico

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Il prestigioso record di Nurburgring è ancora importante per i costruttori e preparatori di veicoli perché è un ottimo modo per mostrare ai potenziali clienti e la concorrenza quanto bene stanno facendo cose.

NIO EP9 lateralE come i veicoli ibridi ed elettrici sono ormai una realtà, Inoltre hanno il coraggio di mettersi in mostra in inferno verde cercando di ottenere il punteggio più alto in ogni categoria.

Oggi ci accingiamo a mostrare un altro record, in questo caso il DS9 NIO, una supercar elettrica con il bollo cinese è stato presentato a Londra alla fine del 2016 dalla società cinese NextEV. Una linea altamente stilizzato con caratteristiche interessanti.

Fabbricati in fibra di carbonio e alimentata da 4 la produzione di motori 1.000 KW (equivalente a 1.360 CV). La coppia è 1.480 N·m e ciascun motore è collegato al 4 ruote riducendo.

NIO EP9 frontalOvviamente, gran parte del peso è la batteria (liquido raffreddato) con quasi 40 % il peso totale del veicolo, Si trovano su entrambi i lati ed hanno un tempo di caricamento 45 verbale, sebbene il punto interessante, anche essi potrebbero essere cambiati da altri inclusi nel proprio 8 verbale. Non male eh?.

Come qualsiasi altra supercar, i livelli di tecnologia e attrezzature sono alti, freni carboceramici, elementi stilizzati e semi-concorrenza ed aerodinamiche premendo il veicolo contro il terreno a garantire pneumatici velocità, la sicurezza e il comfort degli occupanti.

NIO EP9 traseraLa sua accelerazione 0 un 100 km / h è 2,7 secondi, di 0 un 200 km / h it 7,1 secondi e 0 un 300 km / h it 15,9 secondi raggiungendo la 313 km / h punta. L'azienda cinese garantisce l'autonomia 427 chilometri, ma sappiamo già che dipendono piuttosto mettersi al volante. circolante 300 km / h forse in mezz'ora a rimanere nella grondaia…

NextEV ha deciso di prendere il suo NIO DS9 Nurburgring leggendario nel mese di ottobre 2016 e il risultato è stato eccellente diventando il veicolo elettrico più veloce nella storia “motore Cattedrale”, e niente di più e niente di meno che la categoria sesto tempo 7:05.12. Pochissimi veicoli possono dire che sono al livello del più grande e meno senza essere alimentato motori a combustione interna.

Adrián Osés, Locos Engine.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Altri articoli dal web

Adrián Osés
Autore: Adrián Osés Appassionato di Motorsport e Ingegneria, fondatore e direttore di Mad Engine.